Cos’è la psicologia sociale e perché è importante

La psicologia sociale è una disciplina che si basa sul metodo scientifico per arrivare a determinate teorie. Riguarda la comprensione del comportamento di un individuo in un contesto sociale e ricerca su come gli elementi di
incoerenza tra atteggiamenti e comportamento di una persona possano modificare gli atteggiamenti della stessa.
Il comportamento, i pensieri e i sentimenti umani vengono fortemente influenzati dalla presenza oggettiva, immaginata o implicita degli altri e la psicologia sociale studia proprio questo.

Gli psicologi sociali si occupano quindi dei fattori che ci portano a comportarci in un certo modo in presenza degli altri, e osservano le condizioni in cui si verificano determinati comportamenti o azioni, e sentimenti. La psicologia sociale ha a che fare con il modo in cui questi sentimenti, pensieri, convinzioni, intenzioni e obiettivi sono costruiti e come tali fattori psicologici, a loro volta, influenzano il modo di comportarsi con gli altri.

Gli argomenti trattati nella psicologia sociale comprendono: il concetto di sé, cognizione sociale, teoria dell’attribuzione, influenza sociale, processi di gruppo, pregiudizio e discriminazione, processi interpersonali, aggressività, atteggiamenti e stereotipi.

Aristotele credeva che gli esseri umani fossero naturalmente socievoli, una necessità che ci permettesse di vivere insieme (un approccio centrato sull’individuo), mentre Platone sentiva che lo stato controllava l’individuo e incoraggiava la responsabilità sociale attraverso il contesto sociale (un approccio socio-centrato).

Hegel introdusse il concetto che la società ha inevitabili collegamenti con lo sviluppo della mente sociale. Ciò ha portato all’idea di una mente di gruppo, importante nello studio di questa psicologia.

Lazarus e Steinthal scrissero sulle influenze anglo-europee nel 1860. Nacque il “Volkerpsychologie”, che si focalizzava sull’idea di una mente collettiva. Enfatizzò l’idea che la personalità si sviluppa a causa di influenze culturali e comunitarie, specialmente attraverso il linguaggio, che è sia un prodotto sociale della comunità sia un mezzo per incoraggiare un particolare pensiero sociale nell’individuo.

I testi incentrati sulla psicologia sociale sono emersi per la prima volta all’inizio del XX secolo. Il primo libro degno di nota in inglese fu pubblicato da McDougall nel 1908 (Introduzione alla psicologia sociale), che comprendeva capitoli su emozioni e sentimenti, moralità, carattere e religione, molto diversi da quelli incorporati nel campo oggi.

Credeva che il comportamento sociale fosse innato / istintivo e quindi individuale, quindi la sua scelta di argomenti. Questa convinzione non è il principio sostenuto nella moderna psicologia sociale, comunque.

Il lavoro di Allport (1924) è alla base del pensiero attuale in misura maggiore, poiché riconosce che il comportamento sociale deriva dalle interazioni tra le persone. Prese anche un approccio metodologico, discutendo la ricerca vera e sottolineando che il campo era una “scienza … che studia il comportamento dell’individuo in quanto il suo comportamento stimola altri individui, o è di per sé una reazione a questo comportamento” . Il suo libro trattava anche argomenti ancora oggi evidenti, come l’emozione, la conformità e gli effetti di un pubblico sugli altri.

Il primo manuale sulla psicologia sociale è stato pubblicato da Murchison nel 1935.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *