Hai un’azienda? Ecco come guadagnare grazie agli influencer!

Quante volte ci capita di vedere su Instagram foto di un influencer che promuove il prodotto (o più prodotti) di qualche azienda poco conosciuta, o al contrario anche di una con migliaia di followers?

Questa nuova tecnica inizia ad essere utilizzata da milioni e milioni di aziende. Ma perché?

Il marketing dell’influencer è uno dei modi migliori per incrementare le vendite, e da alcune ricerche risulta in costante aumento, ma la maggior parte della gente non può permettersi influencer famosi come Kim Kardashian.

Per fortuna, in realtà non vuoi usare questo tipo di persone, anzi.

Un’azienda ha bisogno di scegliere il tipo di influencer, a cui inviare il prodotto per fargli fare pubblicità, tra: micro-influencer (10.000 followers)  e macro-influencer (come le celebrità). Lavorare con gli influencer più conosciuti porterebbe costi alti, ma con gli influencer più “piccoli” l’engagement è ancora più alto.

La crescita di influencer e piattaforme di social media è sorprendente, per non dire altro. Offrono una promozione immediata del tuo prodotto (o servizio) con incredibili tassi di conversione.

Ed è per questo che i budget influencer-marketing aumenteranno nei prossimi anni:
Il 48% dei marketer afferma che inizieranno ad utilizzare questa nuova forma di vendita.

Oltre a ciò, solo su Instagram nel 2016, i ricavi influencer-marketing hanno raggiunto $ 570 milioni.

Tutti i tipi di aziende e marchi ne approfittano, e altri ne approfitteranno in futuro.
Allora, cos’è un “micro-influenzatore”? In che modo questo tipo di marketing si differisce dal tipico influencer marketing? Perché dovresti concentrarti su questi e non su quelli ordinari?

Bene, iniziamo con alcune definizioni di base.

I micro-influencer sono degli influencer molto specifici, che hanno un numero inferiore di follower in una determinata nicchia. Hanno un pubblico intensamente coinvolto, eppure un conteggio di follower relativamente basso.

Le celebrità principali quindi non sono micro-influencer, perché hanno milioni di seguaci. Ma gli account che hanno meno di 25.000 follower sono generalmente considerati micro-influencer, spesso hanno un pubblico molto attivo e i dati dimostrano che hanno successo.

Uno studio ha recentemente analizzato oltre 800.000 account Instagram, ciascuno con oltre 1.000 follower. Ha analizzato quanto il loro pubblico fosse impegnato rispetto ai principali influencer famosi e alle celebrità, e il risultato che ne è uscito è stato questo: più followers ha un account, meno ricevono likes e commenti (rispetto al conteggio dei followers).

In sostanza, usare influencer che hanno milioni di follower potrebbero farti guadagnare meno soldi.

Oltre a questi dati eclatanti, hanno anche scoperto che gli influencer di Instagram con dai 1.000 ai 10.000 follower hanno ottenuto dei “Mi piace” con una percentuale del 4%. Al contrario, quelli con oltre 10.000 hanno raggiunto solo una percentuale del 2,4%.

Mentre, le celebrità di alto livello con oltre 1.000.000 seguaci hanno ottenuto solo una percentuale del 1,7%.

Altre due delle statistiche incredibili che si sono scoperte sono queste:

I micro-influencer hanno raggiunto 22,2 volte più conversazioni dei consumatori medi quando raccomandavano i prodotti.
L’82% dei consumatori ha riferito di essere altamente propenso a seguire una raccomandazione fatta da un micro-influencer.
Quindi, hanno più conversazioni sull’acquisto di raccomandazioni rispetto ai macro-influencer. Allo stesso tempo, mantengono una maggiore potenza quando guidano le conversioni effettive.

Se pensi di aver bisogno di milioni di follower per far crescere il tuo marchio, ripensaci.

I micro-influencer mantengono una migliore potenza di raccomandazione.

Quindi è ora di smettere di sprecare denaro su influenti costosi che non guidano il coinvolgimento o il traffico.

Ecco come puoi trovare micro-influencer e quattro modi per usarli per acquisire più clienti.

Ma prima di addentrarci nei modi in cui puoi utilizzare i micro-influencer per acquisire più clienti, devi capire come individuare queste persone, perché trovare quello giusto è fondamentale. Può incrementare o distruggere la tua campagna.
Ora, ecco tre modi per utilizzare questi micro-influencer per acquisire più clienti.

1. Usa hashtag specifici della tua azienda
Gli hashtag specifici della propria attività sono uno dei modi migliori per diffondere la consapevolezza della tua realtà e incentivare così le vendite. Permettono ai micro-influencer di nicchia di connettersi facilmente con il tuo marchio.
Gli account con oltre 1 milione di follower possono sembrare un modo interessante per promuoverlo. Ma alla fine della giornata, i loro tassi di coinvolgimento sarebbero inferiori a quelli dei micro-influencer.

2. Crea post sponsorizzati

Questi post stimolano l’impegno e creano una visione più autentica del marchio e consentono ai tuoi influencer di realizzare video dettagliati o contenuti che riguardano il tuo prodotto.

Questa pubblicità rafforza il tuo marchio per il pubblico e ti dà traffico e interesse preziosi.
I post sponsorizzati sono uno dei modi più comuni per sfruttare un gruppo di influencer e funziona anche per le campagne di micro-influencer.

Uno dei modi migliori per farlo è raggiungere gli influencer che desideri offrendo di inviare loro prodotti gratuiti in cambio di recensioni oneste.

Se hai già influencer con cui lavori, è ancora più facile. A seconda dei contratti della tua azienda, puoi semplicemente chiedere loro di pubblicare contenuti sponsorizzati!

Ormai è risaputo che gli influencer abbiano un potere significativo nel guidare le conversioni. Le persone si fidano di loro e si fidano di ciò che raccomandano. Usalo a tuo vantaggio facendo in modo che i tuoi influenzatori creino post sponsorizzati per il tuo marchio.

3. Usa lo storytelling

Lo storytelling promuove le conversioni in modo naturale perché le persone iniziano a preoccuparsi di te e del tuo marchio.
Ad esempio, scopri come American Express utilizza gli influencer per raccontare storie:
Collegano un noioso prodotto di consumo ai desideri di quasi tutti gli esseri umani: viaggi, esplorazioni e divertimento.

E quell’influencer non si limita a postare un post sponsorizzato che dice “X è il migliore!” Invece, usano una storia per creare il motivo per cui X si adatta alla vita dell’influencer.

Aiuta le persone a colmare il divario tra un prodotto noioso e lo sviluppo della necessità di quel prodotto nella loro vita quotidiana, e a connettersi ai modi specifici in cui potrebbero utilizzarlo.

In definitiva, è molto più probabile che capiscano perché ne hanno bisogno.

Per iniziare a usare lo storytelling, ispeziona la tua piattaforma di influencer preferita. Cerca specifici micro-influencer che abbiano già una storia.

È un altro livello dell’influencer marketing che dà alle persone l’ispirazione, lo scopo e una ragione per amare (e parlare) del tuo prodotto.

Indipendentemente dalla tipologia, vi consiglio di trovare influencer che usino i social più alla moda e più apprezzati dalle persone di tutto il mondo. Al momento, il social più utilizzato da quasi tutti gli influencer è Instagram, seguito da Facebook (70%) e Snapchat (46%).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *