La regola dell’80/20: cos’è e perché è importante

Un giorno, circa nel 1800, un uomo di nome Vilfredo Pareto si trovava nel suo giardino quando fece una piccola ma interessante scoperta.
Notò che un piccolo numero di baccelli di pisello nel suo giardino produceva la maggior parte dei piselli totali.

Pareto era un tipo molto matematico. Lavorò come economista, e una delle sue eredità durature stava trasformando l’economia in una scienza radicata in numeri e fatti concreti. A differenza di molti economisti del tempo, i suoi giornali e i suoi libri erano pieni di equazioni. La strana questione dei piselli nel suo giardino, quindi, aveva messo in moto il suo cervello matematico.

E se questa distribuzione ineguale fosse presente anche in altre aree della vita?

All’epoca, Pareto studiava la ricchezza delle varie nazioni. Essendo italiano, ha iniziato analizzando la distribuzione della ricchezza in Italia. Con sua sorpresa, scoprì che circa l’80 percento della terra in Italia era di proprietà solo del 20 percento delle persone. Simile ai baccelli di pisello nel suo giardino, la maggior parte delle risorse erano controllate da una minoranza di persone.

Pareto continuò la sua analisi in altre nazioni e cominciò ad emergere un modello. Ad esempio, dopo aver analizzato i registri delle imposte sul reddito britannico, ha notato che circa il 30 percento della popolazione in Gran Bretagna guadagnava circa il 70 percento del reddito totale.

Mentre continuava a fare ricerche, scoprì che i numeri non erano mai uguali, ma la tendenza era sempre la stessa: la maggior parte dei risultati sono sempre appartenuti a una piccola percentuale di persone. Questa idea che un piccolo numero di cose rappresentasse la maggior parte dei risultati divenne nota come “Principio di Pareto” o, più comunemente, la “Regola 80/20”.
Nei decenni che seguirono, il lavoro di Pareto divenne praticamente il vangelo per gli economisti. Una volta che ha aperto gli occhi del mondo a questa idea, la gente ha iniziato a vederlo ovunque. E ora la regola 80/20 è più diffusa che mai.

Più in generale, il principio di Pareto è l’osservazione che molte cose nella vita non sono distribuite uniformemente. Può significare tutte le seguenti cose:

-Il 20% dell’input crea l’80% del risultato
-Il 20% dei lavoratori produce l’80% del risultato
-Il 20% dei clienti crea l’80% delle entrate
-Il 20% dei bug causa l’80% degli arresti anomali
-Il 20% delle funzionalità causa l’80% dell’utilizzo
Eccetera, eccetera…
Quando si usa questa idea bisogna stare attenti. Innanzitutto, esiste un malinteso comune secondo cui i numeri 20 e 80 devono aggiungere 100: non devono!

Il 20% dei lavoratori potrebbe creare il 10% del risultato. O il 50%. O l’80%. O il 99% o addirittura il 100%. Pensaci: in un gruppo di 100 operai, 20 potrebbero fare tutto il lavoro mentre gli altri 80 potrebbero non lavorare per niente. In quel caso, il 20% dei lavoratori ha fatto il 100% del lavoro. Ricorda che la regola 80/20 è una guida approssimativa sulle distribuzioni tipiche.

Bisogna sapere anche che i numeri non devono essere esattamente “20%” e “80%”. Il punto chiave è che la maggior parte delle cose nella vita (sforzo, ricompensa, produzione) non sono distribuite in modo uniforme – alcune contribuiscono più di altre.

Per capire questa ineguaglianza, bisogna introdurre un altro principio:
Il potere del vantaggio accumulativo
La foresta pluviale amazzonica è uno degli ecosistemi più diversi sulla Terra. Gli scienziati hanno catalogato circa 16.000 diverse specie di alberi in Amazzonia. Ma nonostante questo notevole livello di diversità, i ricercatori hanno scoperto che ci sono circa 227 specie di alberi “iperdominanti” che costituiscono quasi la metà della foresta pluviale. Solo l’1,4 percento delle specie arboree rappresenta il 50 percento degli alberi dell’Amazzonia.

Ma perché?

Immagina due piante che crescono fianco a fianco. Ogni giorno gareggeranno per la luce del sole e il suolo. Se una pianta cresce un po ‘più veloce dell’altra, allora può allungarsi, prendere più luce solare e prendere più pioggia. Il giorno dopo, questa energia aggiuntiva consente alla pianta di crescere ancora di più. Questo modello continua fino a quando la pianta più forte affolla l’altro e vince la parte di luce solare, suolo e sostanze nutritive più grandi.

Da questa posizione vantaggiosa, la pianta vincitrice ha una migliore capacità di spargere semi e riprodursi, il che conferisce alla specie un’impronta ancora più grande nella prossima generazione. Questo processo viene ripetuto ancora e ancora fino a quando le piante che sono leggermente migliori della concorrenza, dominano l’intera foresta.

Gli scienziati si riferiscono a questo effetto come “vantaggio accumulativo”. Quello che inizia come un piccolo vantaggio tende ad ingrandirsi nel tempo. Una pianta ha bisogno solo di un leggero margine di vantaggio all’inizio, così da far affondare la competizione e conquistare l’intera foresta.

Queste situazioni in cui piccole differenze nelle prestazioni portano ai premi sono conosciute come “Winner-Take-All Effects” (il vincitore prende tutto). Di solito si verificano in situazioni che comportano un confronto relativo, in cui le prestazioni relative a coloro che ti circondano e con cui devi sfidarti sono il fattore determinante del tuo successo.

Non tutto è una competizione, ma quasi tutte le aree della vita sono almeno parzialmente influenzate da risorse limitate. Qualsiasi decisione che implichi l’utilizzo di una risorsa limitata come il tempo o il denaro, si tradurrà naturalmente in una situazione da vincitore-presa di tutti.

In situazioni come queste, essere anche impercettibilmente migliore della concorrenza può portare a grandissimi risultati, perché il vincitore prende tutto. Tu vinci solo dell’uno percento o di un secondo o di un euro, ma guadagni il cento percento della vittoria. Il vantaggio di essere migliore non è un premio in più, ma vale l’intera ricompensa. Il vincitore ottiene uno e il resto ottiene zero.

Per concludere: perché il principio di Pareto è importante?
Ti aiuta a capire che la maggior parte dei risultati proviene da una minoranza di input. Sapendo questo, se…

-Il 20% dei lavoratori contribuisce all’80% dei risultati: concentrati sul riconoscimento di questi dipendenti.

-Il 20% dei bug contribuisce all’80% degli arresti anomali: concentrati sulla correzione di questi bug prima.

-Il 20% dei clienti contribuisce all’80% delle entrate: concentrati sulla soddisfazione di questi clienti.

Gli esempi continuano. Il punto è rendersi conto che spesso è possibile concentrare i propri sforzi sul 20% che fa la differenza, invece dell’80% che non cambia le cose.
In termini economici, c’è un beneficio marginale in diminuzione. Questo è legato alla legge dei rendimenti decrescenti: ogni ora aggiuntiva di sforzo, ogni lavoratore in più aggiunge meno “grinta” al risultato finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *