La depressione: sintomi e cause

Tutti noi ogni tanto ci sentiamo tristi, lunatici o con il morale completamente a terra. Solitamente capita quando abbiamo qualche problema a lavoro, con il partner o in famiglia. In ogni caso, queste emozioni durano per un breve periodo di tempo.

Alcune persone però provano queste sensazioni in modo intenso, per lunghi periodi (settimane, mesi o persino anni) e spesso senza una ragione apparente. Tutto ciò viene definito con una sola parola: depressione.

Quest’ultima è più di un semplice umore: è una condizione grave che colpisce la salute fisica e mentale, influendo sul modo di sentirsi, di pensare e di agire di un individuo. Si perde l’interesse per le attività che una volta si ritenevano fondamentali per il proprio benessere, si preferisce passare il tempo in solitudine, e si riduce inoltre la capacità di una persona di svolgere il proprio compito al lavoro e in casa.

Sebbene ci siano state molte ricerche in quest’area, c’è ancora molto che non sappiamo.

La depressione non è solo il risultato di uno “squilibrio chimico”, ad esempio perché si ha una quantità eccessiva o insufficiente di una particolare sostanza chimica del cervello. È complicato e ci sono molteplici cause di depressione maggiore.

Diversi fattori possono avere un ruolo in questa:

-Eventi traumatici o stressanti
-Parenti con una storia di depressione, disturbo bipolare, alcolismo o suicidio
-Essere lesbiche, gay, bisessuali o transgender, o avere variazioni nello sviluppo degli organi genitali che non sono chiaramente maschili o femminili (intersessuali) in una situazione non supportata
-Storia di altri disturbi di salute mentale, come disturbo d’ansia, disturbi alimentari o disturbo da stress post-traumatico
-Abuso di alcol o droghe ricreative
-Malattie gravi o croniche, inclusi cancro, ictus, dolore cronico o malattie cardiache
-Alcuni farmaci, come quelli per la pressione alta o i sonniferi

-Le differenze in alcune sostanze chimiche nel cervello possono contribuire ai sintomi della depressione
-Le persone con bassa autostima, che sono facilmente sopraffatte dallo stress o che sono generalmente pessimiste, sembrano avere maggiori probabilità di sperimentarla
-La continua esposizione alla violenza, l’abbandono, l’abuso o la povertà possono rendere alcune persone più vulnerabili

In ogni caso, la depressione è tra i più curabili dei disturbi mentali. Tra l’80% e il 90% delle persone depresse alla fine risponde bene al trattamento a cui si sottopone. Quasi tutti i pazienti ottengono un certo sollievo dai loro sintomi, che si verificano per la maggior parte della giornata, quasi ogni giorno.

Questi ultimi possono variare da lievi a gravi e possono includere:

  • Sensazione di tristezza, o avere uno stato d’animo depresso
  • Scatti d’ira, irritabilità o frustrazione, anche su questioni di poca importanza
  • Perdita di interesse o piacere nelle attività una volta godute
  • Ridotto appetito e perdita di peso o aumento dell’appetito e aumento di peso
  • Ansia, agitazione o irrequietezza
  • Disturbi del sonno, compresa l’insonnia o dormire troppo
  • Perdita di energia o aumento della fatica
  • Sensazione di inutilità o colpevolezza
  • Difficoltà a pensare, concentrarsi, prendere decisioni e ricordare le cose
  • Pensieri frequenti di morte o suicidio
  • Problemi fisici inspiegabili, come mal di schiena o mal di testa

(I sintomi devono durare almeno due settimane per una diagnosi)

La depressione colpisce circa 1 adulto su 15 (6,7%) in un anno. Invece, 1 persona su 6 (16,6%) avrà a che fare con la depressione in qualche momento della propria vita. Infatti, può colpire in qualsiasi momento, ma in media compare per la prima volta alla fine dell’adolescenza (a circa 20 anni). Le donne sono più propense degli uomini a sperimentare la depressione. Alcuni studi dimostrano che un terzo delle donne sperimenterà un episodio depressivo maggiore nella loro vita.

Come abbiamo detto in precedenza, questo disturbo è diverso dalla tristezza. Ma lo è anche dal dolore o lutto.
La morte di una persona cara, la perdita di un lavoro o la fine di una relazione sono esperienze difficili per una persona da sopportare. È normale che si sviluppino sentimenti di tristezza o dolore in risposta a tali situazioni. Coloro che sperimentano la perdita spesso vengono definiti (o si definiscono loro stessi) come “depressi”.

Ma essere tristi non è come avere la depressione. Il processo di lutto è naturale e unico per ogni individuo e condivide alcune delle stesse caratteristiche della depressione. Sia il lutto che la depressione possono comportare un’intensa tristezza e il ritiro dalle normali attività. Sono anche diversi in modi importanti:

  • Nel dolore, i sentimenti dolorosi arrivano a ondate, spesso mescolati a ricordi positivi del defunto. Nella maggiore depressione, umore e/o interesse sono diminuiti per la maggior parte delle due settimane.
  • Nel dolore, l’autostima è generalmente mantenuta. Nella depressione, i sentimenti di inutilità e disgusto di sé sono comuni.

Per alcune persone, le esperienze che abbiamo elencato prima (morte di una persona cara, la perdita del lavoro o essere vittima di un attacco fisico o di un grave disastro) possono comunque portarle alla depressione. Quando il dolore e la depressione coesistono, il primo è più grave e dura più a lungo rispetto al dolore senza la depressione. Nonostante qualche sovrapposizione tra dolore e depressione, abbiamo capito che sono diversi. Distinguerli tra di loro può aiutare le persone a ottenere l’aiuto, il supporto o il trattamento di cui hanno bisogno.

La depressione può colpire chiunque, persino una persona che sembra vivere in circostanze relativamente ideali.

 

Non esiste un modo sicuro per prevenirla. Tuttavia, i consigli seguenti potrebbero essere utili in modo da bloccarla al principio.

-Adottare misure per controllare lo stress, aumentare la capacità di recupero e l’autostima.
-Rivolgersi a parenti e amici, specialmente in tempi di crisi, in modo che possano aiutare a superare periodi di difficoltà.
-Ottenere il trattamento al primo segnale di un problema per aiutare a prevenire la depressione dal peggioramento.
-Prendere in considerazione un trattamento di mantenimento a lungo termine per aiutare a prevenire una ricaduta dei sintomi.

 

La maggior parte degli antidepressivi moderni ha un effetto sui trasmettitori chimici del cervello (serotonina e noradrenalina), che trasmettono messaggi tra le cellule cerebrali – si pensa che questo sia il modo in cui i farmaci agiscono per una depressione più grave. Il trattamento psicologico aiuta anche a regolare gli stati d’animo.

Un trattamento efficace può stimolare la crescita di nuove cellule nervose in circuiti che regolano l’umore, che si ritiene svolga un ruolo fondamentale nel recupero dagli episodi più gravi di depressione.
Ognuno è diverso ed è spesso una combinazione di fattori che possono contribuire allo sviluppo della depressione. È importante ricordare che non è sempre possibile identificare la causa della depressione o cambiare le circostanze difficili. La cosa più importante è riconoscere i segni e i sintomi e cercare immediatamente aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *